Pralen Sosp Gocce 12g
Rated 3.5/5 based on 11 customer reviews
Pralen Sosp Gocce 12g


Immagine esemplificativa, il prodotto potrebbe differire

Pralen sosp gocce 12g

Disponibilità:
Disponibilità: In riassortimento
Disponibilità: Disponibile
  • Minisan del prodotto: 102330038
€16.59 €21.40

Spese di spedizione 5,50€, gratis da 45€

DENOMINAZIONE PRALEN GOCCE CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Antielmintici. Praziquantel, associazioni.
...
PRINCIPI ATTIVI: Mebendazolo micronizzato 12 g/100 g; praziquantel (microincapsulato) 1 g/100 g. ECCIPIENTI Q.b. a 100 g. INDICAZIONI Trattamento delle infestazioni parassitarie del cane e del gatto sostenute da nematodi (vermi tondi) e cestodi (vermi piatti). Gatti: Toxocara cati, Toxascaris leonina, Ancylostoma tubaeformae, Ancylostoma braziliense, Strongyloides spp., Taenia spp., Dipylidium caninum, Mesocestoides spp., Echinococcus spp. Cani: Toxocara canis, Toxascaris leonina, Ancylostoma caninum, Uncinaria stenocephala, Strongyloides stercoralis, Trichuris vulpis, Taenia ovis, Taenia pisiformis, Taenia hydatigena, Taenia multiceps, Dipylidium caninum, Mesocestoides spp., Echinococcus spp. CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDARI Nessuna. USO/VIA DI SOMMINISTRAZIONE Orale. POSOLOGIA 8 gocce/kg peso vivo per due giorni consecutivi (pari a 30 mg di mebendazolo/kg peso vivo/die e 2,5 mg di praziquantel/kg peso vivo/die). Una goccia di sospensione contiene 3,75 mg di mebendazolo e 0,312 mg di praziquantel. Arrotondare sempre il peso dell'animale al numero intero superiore. Il farmaco puo' essere somministrato ai cuccioli anche nelle prime settimane di vita. Durante il trattamento l'animale non perde vivacita' ne' appetito. Agitare molto energicamente prima dell'uso fino a totale ridispersione del sedimento. CONSERVAZIONE Non conservare a temperatura superiore ai 25 gradi C. Tenere il flacone ben chiuso. AVVERTENZE Al fine di ottenere un efficace controllo dei parassiti il trattamento dovrebbe essere effettuato in base agli esiti dell'esame parassitologico sulle feci. Non e' necessario somministrare purganti ne' far osservare il digiuno all'animale durante il trattamento; e' buona norma, durante le sverminazioni, somministrare agli animali pasti piu' leggeri del solito. E' preferibile somministrare il farmaco a stomaco vuoto e contemporaneamente a poco cibo gradito. Con la somministrazione del farmaco secondo le modalita' indicate, si ottiene la totale scomparsa dei parassiti adulti. Per eliminare le forme larvali di anchilostomi e ascaridi e' necessario ripetere il trattamento completo dopo 60 giorni per le infestazioni da ascaridi e dopo 18 giorni per quelle da anchilostomi, dal termine del primo trattamento. Gia' fin dalla prima somministrazione ha inizio l'eliminazione dei parassiti; la scomparsa completa delle uova si ha di solito entro 10-15 giorni dall'ultima somministrazione. Pertanto l'esame delle feci per controllo dovra' essere effettuato dopo che sia trascorso il suddetto periodo di tempo. Durante il trattamento ed anche successivamente e' necessario effettuare, specialmente nei canili o negli allevamenti, le opportune operazioni di disinfestazione dei locali al fine di evitare le reinfestazioni. Inoltre e' opportuno venga effettuata la denaturazione chimica delle feci espulse dai soggetti trattati al fine di interrompere la continuazione del ciclo parassitario. Precauzioni speciali per chi somministra il prodotto: in caso di contatto accidentale lavarsi accuratamente le mani. Le persone con nota ipersensibilita' ai principi attivi contenuti in questo medicinale devono somministrare il prodotto con cautela. Sovradosaggio: la somministrazione di dosi eccessive non provoca nessun sintomo se non il vomito, che compare per il mebendazolo oltre i 500 mg/kg p.v. nel cane e 300 mg/kg p.v. nel gatto, per il praziquantel a 200 mg/kg p.v. nel cane. Incompatibilita': in assenza di studi di compatibilita', non miscelare con altri medicinali. TEMPO DI ATTESA Non pertinente. SPECIE DI DESTINAZIONE Cani, gatti. INTERAZIONI Nessuna conosciuta. EFFETTI INDESIDERATI Nessuno. GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO Anche se il mebendazolo non ha evidenziato effetti teratogeni o embriotossici tipici di altri benzimidazolici, l'uso non e' raccomandato durante i primi quindici giorni di gravidanza.