SEPTOLETE 16PAST DISINFETTANTE ANTIINFIAMMATORIO MIELE LIMON
Rated 3.5/5 based on 11 customer reviews

Septolete 16past disinfettante antiinfiammatorio miele limon

Disponibilità:
Disponibilità: In riassortimento
Disponibilità: Disponibile
  • Minisan del prodotto: 043735075
€2.49 €6.90

Specialisti del tuo benessere

Image
DENOMINAZIONE SEPTOLETE AROMA LIMONE E MIELE 3 MG/1 MG PASTIGLIE CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Preparati per il cavo faringeo, antisettici.
...
PRINCIPI ATTIVI: 3 mg di benzidamina cloridrato; 1 mg di cetilpiridinio cloruro. ECCIPIENTI Olio di menta piperita; levomentolo; sucralosio (E955); acido citrico, anidro (E330); isomalto (E953); aroma di limone; aroma di miele; curcumina (E100), contenente sodio benzoato (E211). INDICAZIONI Adulti, adolescenti e bambini al di sopra dei 6 anni di eta': trattamento antinfiammatorio, analgesico ed antisettico delle irritazioni della gola, della bocca e delle gengive, nelle gengiviti e faringiti. CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR Ipersensibilita' ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Bambini di eta' inferiore ai 6 anni. POSOLOGIA Adulti: la dose raccomandata e' di 3-4 pastiglie al giorno. La pastiglia deve essere sciolta lentamente in bocca ogni 3-6 ore. Pazienti anziani: la dose raccomandata e' la stessa degli adulti. Popolazione pediatrica. Adolescenti al di sopra di 12 anni di eta': la dose raccomandata e' di 3-4 pastiglie al giorno. La pastiglia deve essere sciolta lentamente in bocca ogni 3-6 ore. Bambini da 6 a 12 anni di eta': la dose raccomandata e' di 3 pastiglie al giorno. La pastiglia deve essere sciolta lentamente in bocca ogni 3-6 ore. Puo' essere usato in questa fascia d'eta' solo su consiglio medico. Bambini al di sotto dei 6 anni: il prodotto è controindicato nei bambini al di sotto dei 6 anni eta'. Si raccomanda di non usare il prodotto immediatamente prima o dopo aver lavato i denti. Non superare le dosi consigliate. Il prodotto puo' essere usato fino a 7 giorni. La pastiglia deve essere sciolta lentamente in bocca ogni 3-6 ore. CONSERVAZIONE Conservare nella confezione originale per proteggere il medicinale dalla luce. Questo medicinale non richiede particolari condizioni di conservazione di temperatura. AVVERTENZE Non usare per piu' di 7 giorni. Se non si notano risultati apprezzabili dopo 3 giorni, e' consigliato consultare il medico. L'uso soprattutto di preparati per via topica, specialmente per un lungo periodo di tempo, puo' dar luogo a fenomeni di sensibilizzazione, nel qual caso occorre sospendere il trattamento e consultare il medico per istituire una terapia idonea. Non usare insieme a composti anionici, come quelli presenti per esempio nei dentifrici, pertanto si raccomanda di non usare il prodotto immediatamente prima o dopo aver lavato i denti. L'uso di benzidamina non e' consigliato nei pazienti con ipersensibilita' ai salicilati (per es. acido acetilsalicilico e acido salicilico) o altri FANS. Il broncospasmo puo' peggiorare in pazienti affetti da o con una precedente storia di asma bronchiale. In questi pazienti deve essere prestata attenzione. Contiene isomalto (E953). I pazienti affetti darari problemi ereditari di intolleranza al fruttosio, non devono assumere questo medicinale. Contiene sodio benzoato (E211). Leggermente irritante per la pelle, gli occhi e le mucose delle membrane. INTERAZIONI Non usare contemporaneamente con altri antisettici. Le pastiglie non devono essere assunte insieme al latte poiche' il latte riduce l'efficacia antimicrobica di cetilpiridinio cloruro. EFFETTI INDESIDERATI Frequenza reazioni avverse: molto comune (>= 1/10); comune (>= 1/100,< 1/10); non comune (>= 1/1,000, < 1/100); raro (>= 1/10,000, < 1/1,000); molto raro (< 1/10,000); non nota. Disturbi del sistema immunitario. Raro: reazione di ipersensibilità. Patologie del sistema nervoso. Non nota: mucosa urente. Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche. Raro: broncospasmo. Patologie gastrointestinali. Molto raro: irritazione della mucosa orale, sensazione di bruciore alla bocca; non nota: anestesia della mucosa orale. Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo. Raro: orticaria, fotosensibilità. Segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione. GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO Non ci sono o sono limitati i dati sull'utilizzo di benzidamina cloridrato e cloruro di cetilpiridinio in donne in gravidanza. Non raccomandato durante la gravidanza. Non e' noto se benzidamina cloridrato/metaboliti sono escreti nel latte umano. Non puo' essere escluso un rischio per i neonati. Occorre decidere se interrompere l'allattamento o intorrompere/astenersi dalla terapia tenendo in considerazione il beneficio dell'allattamento al seno per il bambino e il beneficio della terapia per la donna.